Soluzioni per l'udito

euroacustica Soluzioni per l'udito

Adulti

I test dell'udito


Se vi è il sospetto che un adulto abbia una perdita uditiva, sensazione che potrebbe nascere da diverse situazioni; ad esempio quando chiedono di ripetere una frase o quando per sentire meglio, alzano troppo il volume della o se le condizioni fisiche o sanitarie dell’orecchio preoccupano, allora è necessario contattate subito un esperto. I vari test d’indagine uditiva possono essere eseguiti a qualsiasi età, e sono del tutto indolore.

Prima di tutto l’Anamnesi

Ancor prima di sottoporsi ai vari test, è importante raccogliere rigorose ed accurate informazioni sui dati anamnestici del soggetto. Risalire ad eventuali fattori familiari, a patologie pregresse includendo anche un’indagine lavorativa e di vita sociale del soggetto. Ciò è fondamentale per l’Audioprotesista per ricavare ogni utile informazione a determinare le probabili cause della perdita uditiva, le eventuali concause e gli obiettivi correttivi desiderati. Per ottenere ciò si sottopone il paziente ad una serie specifica di domande, che raccolte struttureranno il quadro anamnestico e spico-acustico del soggetto. Il consenso al trattamento ed all’archiviazione dei dati personali, completerà l’iter d’indagine conoscitiva.

Successivamente l’Otoscopia

La prima indagine preliminare per sottoporre il soggetto ad esame audiometrico, è quella di osservare la presenza di anomalie od ostruzioni nel condotto uditivo esterno. Tali, possono concorrere alla perdita uditiva o all’impossibilità d’esecuzione dei test. Qualora si riscontrassero delle anomalie o impedimenti per l’esecuzione dei test, è necessario inviare il paziente presso un ambulatorio specialistico ORL per le opportune valutazioni del caso.

L’impedenzometria

L'impedenzometria è una prova meccano-acustica che viene eseguita al fine d’individuare eventuali problematiche inerenti la porzione dell’orecchio medio. La misurazione viene eseguita mediante il posizionamento all’ingresso del condotto uditivo esterno di una sonda. Questa registrerà i movimenti di introflessione e di estroflessione della membrana timpanica (timpanogramma) e dei riflessi incondizionati del muscolo stapediale (riflessi stapediali). I dati ottenuti vengono riportati su di un grafico e rivelano il grado di elasticità del timpano e della mobilità e reattività degli ossicini dell’orecchio.

I test Audiometrici

Il test audiometrico tonale e costituisce il momento fondamentale per l’indagine conoscitiva della funzione uditiva del soggetto. Il paziente partecipa attivamente alla costruzione di un tracciato audiometrico, rappresentato da un grafico che descrive in quale modo ciascun orecchio riesce a captare le varie frequenze sonore. Per costruirlo si fa ascoltare al soggetto una sequenza di suoni per mezzo di una cuffia posta sui padiglioni auricolari.

Lo stesso si troverà dentro uno spazio silente (cabina audiometrica), e ad ogni risposta allo stimolo percepito, il paziente confermerà il dato, attraverso un pulsante. Le intensità dei suoni vengono progressivamente ridotte dall’esaminatore fintanto che, non si arrivi ad individuare il livello minimo d’ascolto percepito.

Il test audiometrico vocale rappresenta senza dubbio, un elemento importantissimo e spesso indispensabile nella valutazione della tecnologia protesica ad applicare. Con l’audiometria vocale altresì si valuta la capacità di comprensione delle parole, dato fondamentale per poter attuare un’ottima strategia correttiva, sia essa medica, chirurgica o protesica.

Il materiale fonetico impiegato nelle prove vocali inciso su dischi, viene inviato al paziente attraverso una cuffia e trasmessa da un audiometro. Esaminando un orecchio per volta e invitando il soggetto a ripetere le parole percepite a diverse intensità, si traccerà di volta in volta la curva di articolazione verbale.

L'audiometria vocale viene definita Protesica, quando la stessa viene eseguita con gli ausili uditivi applicati e svolta in campo libero, per mezzo di altoparlanti. La stessa, usata in associazione all’audiometria tonale in campo libero, con protesi, può offrire utili informazioni sulle modalità di funzionalità e di efficacia degli ausili acustici applicati.